I 5 frutti tropicali per chi fa sport Avocado, banana, datteri, ananas, papaya

Scroll this

Chi fa sport necessita, rispetto ai sedentari, di integrare maggiori zuccheri, sali minerali, vitamine e antiossidanti: quale alimento migliore della frutta per soddisfare questi fabbisogni!
Tutta la frutta è salutare, ma ecco 5 frutti tropicali con caratteristiche nutrizionali che li rendono particolarmente adatti per gli sportivi che praticano un’attività fisica intensa, come la maratona.

Avocado

1. AVOCADO

L’Avocado era quello che faceva “guardatemi, sono il grasso buono!“, e il Burro commentava: “Esibizionista!“. L’avocado è il beniamino della cucina salutare, il parente famoso della famiglia dei grassi. Questo deriva soprattutto dal fatto che la maggior parte dell’energia di questi frutti deriva dai grassi monoinsaturi (MUFA), e acidi grassi polinsaturi omega-6 (PUFA), costituenti delle membrane cellulari e importanti nel mantenimento dei normali livelli di colesterolo nel sangue.  Sono inoltre una buona fonte di Folato, vitamina C, vitamina E, vitamina K, vitamina B6, sostanze utili per gli atleti, dal momento che possono contribuire a ridurre l’infiammazione sistemica causata da stress da esercizio.

Banana

2- BANANA

Lo spuntino perfetto per uno sportivo perchè composto da zuccheri semplici, in modo da avere energia subito disponibile. Le banane offrono 22,8g di carboidrati ogni 100 g di polpa ed è una buona fonte di potassio che contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso e alla normale funzione muscolare, nonché al mantenimento di una normale pressione sanguigna.

Datteri

3 DATTERI

Forniscono energia immediatamente disponibile e di graduale assimilazione, ideale durante la corsa. Contengono infatti circa il 75% di zuccheri e sono ricchi di fibra (6,7 g in 100g di frutta) caratteristiche che li rendono un alimento a basso indice glicemico. 100 g di datteri hanno circa 1,8 g di proteine, tra i frutti sono quelli con la più alta quantità di proteine. Inoltre, contengono più potassio della banana – 656 mg per i datteri, contro 358 mg per le banane – molto utile nel recupero post-allenamento.

Ananas

4 ANANAS

Dolce e succoso l’ananas è un “integratore” naturale adeguato sia prima che dopo l’attività sportiva: 100g di frutto forniscono 10 g di zuccheri semplici da poter utilizzare subito e avere energia immediata. Inoltre, con il suo 86% di acqua, l’ananas è utilissima per reidratare l’organismo e, contenendo la sostanza bromelina, un anti-infiammatorio naturale, conferisce sollievo a muscoli e articolazioni dopo il lavoro intenso.

Papaya

5. PAPAYA

Questo frutto tropicale è una buona fonte di vitamina A utile a mantenere regolari la unzione del metabolismo e l’attività del sistema nervoso e del cuore. Ma la papaya è importante soprattutto per una sostanza in esso contenuta: la papaina che ha funzione digestiva. L’assunzione di questo frutto, magari in una macedonia con ananas è indicato nell’attività sportiva. Infatti, bromelina e papaina insieme possono attenuare la perdita di forze post esercizio, regolando l’attività delle cellule infiammatorie.

 

Articolo creato in collaborazione con la dott.ssa Annamaria Acquaviva – dietista, nutrizionista – impegnata in progetti di prevenzione dell’obesità infantile, svolge regolarmente conferenze, e interventi in periodici e reti televisive (Raiuno, Rete4, Raitre) come divulgatrice su temi di nutrizione.