L’arte della perfetta maturazione della frutta esotica Un viaggio nel mondo della frutta

maturazione-frutta-esotica

Un viaggio lungo e suggestivo, dai paesi più affascinanti al mondo fino alle nostre tavole. La frutta esotica nasce in contesti lussureggianti e baciati dal sole, che ne favoriscono la dolcezza e la succosità della polpa; è coltivata con attenzione e tanta passione, accompagnata nelle varie fasi di sviluppo, lasciata maturare sulla pianta fino al livello ottimale, e trasportata infine con le migliori tecniche via nave o  via aerea per preservarne tutto il sapore e le caratteristiche organolettiche fino al momento in cui sarà consumata.

Saper scegliere i frutti nelle piantagioni e raccoglierli al giusto punto di maturazione è un’arte che Battaglio conosce bene. Ogni tipologia di frutto ha le proprie caratteristiche e metodi di lavorazione e solo i prodotti migliori possono ottenere il bollino di qualità dell’azienda e cominciare il viaggio verso l’Italia.

In piantagione si controllano costantemente forma, dimensioni, colore e profumo prima di decidere se è il momento giusto per la raccolta: questa attenzione e meticolosità ti permette di trovare nel tuo supermercato di fiducia solo frutta matura al punto giusto e pronta per essere assaporata. La riconosci dal colore vivo e uniforme, dalla consistenza soda, dal profumo dolce e inebriante, dalla polpa compatta… tutti indicatori di freschezza e alta qualità che garantiscono un gusto intenso assolutamente autentico e naturale.

Come conservare la frutta a casa

Per assaporare al meglio la frutta esotica è importante, tuttavia, fare attenzione anche alla conservazione domestica, un passaggio fondamentale che, se trascurato, potrebbe comprometterne sapore e qualità. Le banane, ad esempio, devono essere conservate in un luogo ventilato e fresco, intorno ai 14-16 gradi circa, ma lontano da fonti di etilene (un gas naturalmente prodotto da alcuni frutti, come mele, pere, agrumi, solo per citarne alcuni) e non a contatto diretto con il sole o altre fonti di calore per non stimolare una maturazione più celere.

Anche ananas e mango si conservano perfettamente a temperatura ambiente, in un luogo non troppo caldo, fino al momento dell’utilizzo; la restante frutta esotica (avocado, papaya, passion fruit, rambutan, litchi ecc…)può essere conservata in frigorifero a meno di 10 gradi, in modo da mantenere inalterati sapore, consistenza e profumo per un’esperienza gustativa che avvolge il palato e tutti gli altri sensi in un viaggio alla scoperta di terre lontane e suggestive.

Potrebbero piacerti

mano ragazza mantiene smartphone mentre scatta foto al suo brunch

Brunch? Provalo a tema avocado!

Ideato nell’Inghilterra regale del 1800 come fusione tra il momento della colazione (breakfast) e quello del pranzo (lunch), il brunch è oggi parte integrante della tradizione italiana. Del resto l’accostamento tra dolce e salato conquista tutti, ancor di più quando si tratta di avocado...
piantagione di avocado hass ancora non raccolta

Tutti pazzi per l’avocado, ma quanto ne sappiamo?

L’avocado conquista giorno dopo giorno anche i palati più delicati grazie alla sua consistenza cremosa e al gusto delicato. Eppure sul web capita spesso di imbattersi in informazioni incomplete o distorte circa il suo consumo. Rimediamo subito condividendo con voi tre verità sull’avocado ancora poco conosciute!
avocadi tagliati a metà con nocciolo su sfondo neutro verde

Falsi miti sull’avocado

Hass, Cocktail, Fuerte, Nabal, Luba… ci sono tantissime varietà di avocado esistenti e forse è proprio per questo che intorno al frutto esotico per eccellenza ci sono ancora molte domande… e poche risposte. Scopriamo insieme 3 verità dietro ai falsi miti più famosi!