Frutta e verdura: un toccasana per l’umore Le ultime novità sul legame tra alimentazione e benessere psicologico

frutta e verdura toccasana per l'umore

Un recente studio realizzato dall’Università di Warwick sostiene che mangiare quattro o più porzioni di frutta e verdura ogni giorno migliori l’umore e abbassi il rischio di depressione e ansia. Il merito va in gran parte ai polifenoli che combattono la neuroinfiammazione e lo stress ossidativo.

“Comfort food”

Da sempre tutti noi sappiamo bene quanto il consumo di cibo sia profondamente connesso con i differenti stati d’animo. Dopo una giornata lavorativa particolarmente intensa, quando siamo nervosi perché niente sembra funzionare come dovrebbe oppure quando siamo giù di tono per una litigata o un mancato successo, il primo istinto una volta tornati a casa è spesso cercare conforto nel cibo, quello ricco di sapore, grassi e zuccheri per intenderci. In un primo momento sembra davvero calmarci e darci un po’ di tregua, salvo poi causare emozioni contrastanti, a cominciare dai sensi di colpa nei confronti della linea.

Lo studio dell’Università di Warwick

L’alternativa c’è, ed è anche scientificamente testata: raddoppiare il consumo giornaliero di frutta e verdura migliora l’umore e lo stato d’animo e aiuta a compensare la metà delle conseguenze di un divorzio o un terzo delle conseguenze negative di una disoccupazione. È il sorprendente risultato della ricerca realizzata dall’Università di Warwick, in Gran Bretagna, su un campione di 7.108 soggetti, al fine di indagare i meccanismi che legano il cibo consumato – in particolare frutta e verdura – e il benessere psicologico. I partecipanti hanno dovuto segnalare se, nel 2007, avessero ricevuto una diagnosi di depressione o ansia e quali fossero le proprie abitudini alimentari e il proprio stile di vita, in modo da controllare l’eventuale sviluppo di questi disturbi negli anni successivi.

Frutta e verdura: i nostri alleati contro ansia e depressione

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Social Science & Medicine, mostrano che il consumo di frutta e verdura è inversamente proporzionale allo sviluppo di ansia e depressione. Come ha spiegato uno degli autori dello studio: “Se le persone aumentano l’assunzione giornaliera di frutta e verdura da zero a otto porzioni, hanno il 3,2% di probabilità in meno di soffrire di depressione o ansia nei successivi due anni». Sette o otto porzioni di frutta e verdura al giorno producono a livello mentale uno stimolo in positivo pari a quello in negativo di un divorzio o della perdita del lavoro, capaci di indurre uno stato depressivo nel soggetto coinvolto.
Questi alimenti, infatti, aiutano a ridurre la neuroinfiammazione alla base di alcuni disturbi depressivi e contrastano lo stress ossidativo, compensando la produzione dei radicali liberi, grazie ai polifenoli che consentono alle cellule di adattarsi all’ambiente, reagire allo stress ossidativo e ridurre l’infiammazione. Altre ricerche scientifiche effettuate in questo campo su un campione di 6.000 adolescenti hanno dimostrato che anche le vitamine del gruppo B giocano un importante ruolo nell’assicurare il benessere mentale: la carenza di vitamine del gruppo B, infatti, comportano un aumento dei sintomi depressivi.

Le proprietà benefiche nei frutti Battaglio per 100 gr di prodotto

  • Banana (Vitamina B6: 0,367 mg, pari al 28% della razione giornaliera raccomandata)
  • Datteri ( Vitamina B6: 0,249 mg, polifenoli come luteolina, quercetina e apigenina) (fonte https://www.healthrevolution.it/frutta-esotica/)
  • Avocado (Vitamina B6: 0,26 mg, Vitamina B5 3,39 mg, Vitamina B3 (Niacina) 1,7 mg, Vitamina B1 (Tiamina) 0,7 mg, Vitamina B2 (Riboflavina) 0,13 mg)
  • Frutto della Passione (Vitamina B6: 0,100 mg)
  • Mango ( Vitamina B6: 1,19 mg)
  • Ananas (Vitamina B6: 0,112 mg)
  • Papaya (Vitamina B6: 0,038 mg)
  • Zenzero (Vitamina B6: 0,16 mg)

* Fonte dati: USDA 2019

Fonti:
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0277953619300048
https://scholar.google.it/scholar?hl=it&as_sdt=0%2C5&as_vis=1&q=Redzo+Mujcic+%2B+Andrew+Oswald+fruit&btnG=https://www.repubblica.it/salute/alimentazione-e-fitness/2019/05/28/news/piu_frutta_e_verdura_meno_depressione-227399408/

Potrebbero piacerti

A Natale? Scegli il tropicale!

In questo momento dell’anno è facile recarsi al supermercato e imbattersi in frutti provenienti da ogni parte del mondo: strani, colorati e dall’aspetto davvero insolito. Se banana, ananas e mango fanno ormai parte della nostra spesa quotidiana, ci sono invece alcuni prodotti che appaiono magicamente quasi solo nel periodo natalizio e di cui, però, sappiamo ben poco.
Kiwi - wellness

Contro i malanni stagionali: ci pensa il Kiwi!

Si dice che una mela al giorno tolga il medico di torno, ma non tutti sanno che consumando ad ogni merenda un kiwi si scongiura il rischio di prendere il raffreddore o l’influenza nei mesi più freddi dell’anno. Questo piccolo e dolce frutto, infatti, fornisce da solo tutta la vitamina C di cui il nostro organismo ha bisogno!
Immagine tisana tazza

BRR… ci vorrebbe una tisana!

La temperatura che cala repentinamente, il sole che tramonta prima, l’entusiasmo di ritrovarsi a casa, la sera, con una coperta e una serie tv da guardare: è ufficiale, è arrivato l’autunno! Quale miglior modo per temprare il corpo se non con una rilassante bevanda calda? In questo articolo vi proponiamo due ricette per preparare delle profumate tisane a base di frutta fresca.